Partecipiamo al progetto POFACS

“Conservabilità, qualità e sicurezza dei Prodotti OrtoFrutticoli ad Alto Contenuto di Servizio”

immagine relativa all'articolo -> Partecipiamo al progetto POFACS
Marzo 30, 2022
Comunicazione Istituzionale
Tag:, , ,
tempo stimato di lettura: 2 minuti

Partecipiamo al progetto POFACS

In linea con la nostra mission, siamo orgogliosi di comunicare la nostra partecipazione al progetto POFACS, (“Conservabilità, qualità e sicurezza dei Prodotti OrtoFrutticoli ad Alto Contenuto di Servizio”). Si tratta di un progetto coordinato dal CREA Orticoltura e Florovivaismo, della durata di 30 mesi, con un budget di quasi 10 milioni (la metà cofinanziati) e che include quattro partner pubblici (CREA, con 10 sedi operative, Università di Foggia, Università di Catania, Consorzio Interuniversitario CINSA) e quattordici partner privati coinvolti in diversi settori della filiera produttiva. Il progetto si propone di intervenire con nuove conoscenze e tecnologie innovative per migliorare la conservabilità, la qualità, la sicurezza e la sostenibilità ambientale ed economica dei prodotti ortofrutticoli ad alto contenuto di servizio, soprattutto nelle regioni meridionali, grandi produttrici, ma ancora indietro su questo fronte. Il progetto è organizzato in 9 Obiettivi Realizzativi (OR) per un totale di 87 Attività tra Ricerca Industriale (RI) e Sviluppo Sperimentale (SS), che concorrono a soddisfare la domanda di innovazione lungo l’intera filiera. Il comparto ortofrutticolo rappresenta una componente fondamentale del sistema agroalimentare nazionale con una PLV media di ca. il 30% sul totale. Il mercato delle confezioni ready to use è in crescita, come pure l’attenzione del consumatore e del mondo agricolo in generale alla qualità in senso lato del prodotto. Il progetto di ricerca è focalizzato sul potenziamento della competitività delle produzioni ortofrutticole di III (congelati e/o surgelati), IV (freschi pronti al consumo) e V (fresh-like dopo trattamenti termici) gamma con necessità di catena del freddo, che, per il loro valore aggiunto alle naturali caratteristiche dell’alimento, in termini di durata e prontezza d’uso, sono definite ad alto contenuto di servizio per il consumatore.